IMPORTANT MESSAGE:
Due to the current restrictions announced by the Bulgarian government related to COVID 19, our tours will not operate until 13.4.2020
Largo1
Roman Gate 1
Rotunda 1
Rotunda 2
Roman Theater Sofia

L'EREDITÀ ROMANA DI SOFIA

Le terre della Bulgaria una volta facevano parte del grande impero romano. Le città più grandi della Bulgaria - Sofia e Plovdiv - allora erano anche città romane molto importanti chiamate rispettivamente Serdika e Trimontium. Erano situati sull'antica strada internazionale - via Diagonalis - che collegava l'Europa e l'Asia. Qui in questo articolo, troverai i siti più interessanti di Sofia, sopravvissuti al periodo romano e che sono una tappa obbligata per ogni turista che visita questo luogo.

Serdika

Sofia divenne una base militare romana nel I secolo d.C. Si chiamava Serdika dopo il villaggio della Tracia che si trovava lì. All'inizio del II secolo durante il regno dell'imperatore Ulpius Traiano, le furono concessi i diritti di città autoamministrativa e fu chiamata Ulpius Serdika. Gradualmente divenne un importante centro amministrativo e commerciale della zona. Nella seconda metà del II secolo fu fortificato con mura e aveva 4 porte poste verso le direzioni principali: Sud, Est, Nord e Ovest. Allora la porta Ovest era la più grande e importante: era il posto di blocco di confine della città. Anche la via - Diagonalis l'attraversava da est a ovest e in questo modo era la principale via centrale del paese. Durante il suo apice, la città era popolata da circa 12000 persone. Al giorno d'oggi, il patrimonio romano si trova nel perfetto centro della città di Sofia e può essere facilmente visto durante una passeggiata turistica (anche se alcune parti sono un po 'nascoste, quindi è necessario conoscere in anticipo la loro posizione).

I resti della città romana

Per molti anni, i resti di Serdika sono stati nascosti sotto terra. Durante il periodo comunista negli anni '50, quando lo stato iniziò a costruire i suoi nuovi edifici monumentali nel centro della città, furono scoperte alcune piccole parti. Tuttavia, in questo periodo non sono state effettuate ulteriori esplorazioni. Alcuni tratti dei ciottoli romani (parte della via Diagonalis) sono stati addirittura rimossi in occasione del passaggio sotterraneo tra la presidenza e il parlamento. Non è stato fino al 2014-2015 quando il comune locale ha iniziato a scavare nell'area per la realizzazione della nuova linea della metropolitana, quando gran parte del patrimonio romano è stato scoperto e ora viene lasciato come un museo aperto dove tutti possono andare in giro. In questa zona le persone possono vedere i resti di molti edifici importanti, le 2 strade principali, che attraversavano la città, e parti delle mura e delle porte della fortezza. La porta più ben conservata è quella orientale che si trova nel passaggio sotterraneo tra la presidenza e il parlamento.

San Giorgio Rotunda

Nascosta nel cortile della presidenza e dell'hotel Balkan, si trova la chiesa più antica sopravvissuta a Sofia e una delle più antiche d'Europa: la rotonda di San Giorgio. Fu costruita nel IV secolo, quando il cristianesimo fu riconosciuto come religione paritaria nell'Impero, e divenne rapidamente la chiesa più importante durante il periodo romano. I resti adiacenti suggeriscono che inizialmente nello stesso luogo ci fosse un altro edificio di forma rettangolare - molto probabilmente "thermi" (bagni romani con acqua calda). Dietro la chiesa ci sono altri resti di un grande edificio - gli storici suppongono che potrebbero provenire dalla residenza dell'imperatore Costantino il Grande, che spesso visitava la città e diceva persino che Serdika era la sua Roma. La chiesa ha continuato ad essere un luogo importante anche durante il periodo medievale bulgaro. Per circa 2 secoli sono state conservate le reliquie di San Giovanni di Rila, il più importante santo bulgaro. Durante il periodo ottomano fu trasformata in una moschea. Nonostante ciò, ci sono ancora alcuni strati di affreschi risalenti a diversi secoli che potevano essere visti nella chiesa.

Basilica di Santa Sofia

L'altra chiesa molto importante che è sopravvissuta al periodo romano, è la grande Basilica di Santa Sofia. Si trova nel centro della città, di fronte alla Cattedrale Alexander Nevsky. In questa zona in epoca romana, al di fuori delle mura della fortezza, era situata la necropoli del paese e all'inizio del IV secolo fu edificata una piccola chiesa accanto ad essa. Si ritiene che in questo stesso luogo fu accettato nel 311 l'editto di tolleranza, che consentiva al cristianesimo di diventare una religione praticata nell'Impero, tra il IV e il VI secolo la zona fu spesso saccheggiata da diverse tribù e più volte distrutto e ricostruito. Infine, a metà del VI secolo durante il regno dell'imperatore Giustiniano, l'attuale grande chiesa fu costruita sopra i resti delle chiese precedentemente distrutte ed è sopravvissuta fino ad allora. Il nome della chiesa significa "saggezza", quindi è dedicata alla santa saggezza. Durante il periodo medievale bulgaro, era l'edificio più alto della zona (e ancora fuori dalle mura della città) e quando i viaggiatori si avvicinavano alla fortezza da est, prima vedevano questa chiesa così divenne il simbolo della città e questo è il motivo per cui nel XIV secolo gli abitanti bulgari decisero di ribattezzare la città dopo di essa: Sofia. In epoca ottomana come la maggior parte delle grandi e importanti chiese, fu anche trasformata in moschea, quindi purtroppo non ci sono affreschi conservati all'interno. Nel XIX secolo ci furono due terremoti che lo danneggiarono. I turchi hanno insegnato che questo era un brutto segno, quindi lo hanno abbandonato e per diversi decenni è rimasto come un edificio fantasma. Dopo la liberazione bulgara nel 1878, iniziarono i lavori di restauro e finalmente ricominciò a fungere da chiesa.

L'Anfiteatro

Non lontano dalla Basilica, era situato un enorme anfiteatro. Fu costruito alla fine del 3 ° secolo e poteva raccogliere 25.000 persone, quindi era tra i più grandi dell'Impero! È stato utilizzato per diversi tipi di spettacoli culturali, gare e lotte di gladiatori. Dopo l'accettazione del cristianesimo, la sua importanza iniziò gradualmente a diminuire. Fu anche piuttosto danneggiato e distrutto durante le invasioni tra il 4 ° e il 6 ° secolo, quindi la sua posizione esatta rimase sconosciuta fino al 21 ° secolo. Nel 2004 alcune parti dell'anfiteatro sono state scoperte per caso a causa dei lavori di costruzione di un albergo. Sebbene questi resti siano un patrimonio storico, la costruzione dell'hotel era ancora consentita e ora i resti possono essere visti come parte del suo interno, creando così una miscela molto interessante tra la cultura e gli stili moderni e antichi.

Puoi prenotare il tuo viaggio qui: https://www.citytour.bg/it/tours/79-sofia-guided-walking-city-tour