IMPORTANT MESSAGE:
Due to the current restrictions announced by the Bulgarian government related to COVID 19, our tours will not operate until 13.4.2020
Martenitsa-Pijo-and-Penda-decorates-Door_RE
martenitsa_magnolia
diy-yarn-pom-pom-martenitsa_RE

BABA MARTA - DOVE SI FESTEGGIA?

Una delle feste più amate da grandi e piccini è il primo giorno di marzo o, come è meglio noto, la festa di nonna Marta. Questa festa annuncia la fine del rigido inverno e l'arrivo della primavera e della nuova vita che porta con sé.

L'aspetto della martenitsa è associato a molte leggende, una delle quali è l'arrivo di Khan Asparuh nelle terre bulgare. Le prime martenitse erano solo fili intrecciati bianchi e rossi. Successivamente, alla maglia rossa e bianca furono aggiunte monete d'oro o perline blu per proteggere il loro proprietario dalle maledizioni. Le martenitsa venivano appese a tutti i membri della famiglia, così come agli animali nella stalla, in modo che fossero sani tutto l'anno.

Siamo abituati al fatto che la tradizione della decorazione con martenitsa si trova solo in Bulgaria, ma la verità è che questa è una festa pagana che è rimasta nella cultura di molti paesi dei Balcani. Oltre alla Bulgaria, le martenitsa sono conosciute anche in Grecia, Macedonia del Nord, Romania, Moldavia e Albania.

Nel nostro vicino meridionale, la Grecia, la vacanza si chiama Marty. Le martenitsa greche sono solitamente realizzate sotto forma di braccialetti o anelli rossi e bianchi con cui i genitori decorano i loro figli. La tradizione vuole che la martenitsa venga indossata fino all'ultimo giorno di marzo, dopodiché va lasciata in un giardino fiorito.

Anche la festa "Martinka" nella Macedonia del Nord era celebrata principalmente dai bambini, ma oggigiorno è quasi dimenticata, poiché poche persone si adornano ancora con questo ornamento fatto a mano.

Sebbene a prima vista le martenitsa in Romania e Moldova assomiglino a quelle a cui siamo abituati in Bulgaria, ci sono alcune differenze. In Romania il cosiddetto "martsishor" è dato solo da un uomo a una donna o tra due donne, ma mai tra uomini. Solitamente il martsishor è accompagnato da un fiore, simbolo anche dell'avvicinarsi della prima primavera. In Moldova, dove si ritiene che le martenitsas siano state portate durante la migrazione dei bulgari della Bessarabia, la tradizione vuole che le ragazze leghino un filo rosso al braccio dei ragazzi, che devono indossare fino alla fine di marzo o fino a quando non vedono una rondine. Dopodiché, deve essere posizionato sotto una pietra.

Il primo giorno di marzo, gli albanesi indossano “verore” in modo che il sole di marzo non li “prenda”. Simile alla credenza bulgara, in Albania legano anche l'ornamento di filo ai rami di un albero da frutto o lo mettono sotto una pietra. E se il giorno successivo appare un verme sotto la pietra, l'interpretazione è che l'anno sarà fertile e ricco di successi.